Zara

Comments (0) Chissenestyle, Curiosity, Uncategorized

Sandra ha gli occhi di un verde limpido, come questo mare e quasi puoi vedere attraverso i suoi pensieri. Parla perfettamente italiano e dopo alcuni convenevoli da padrona di casa ci mettiamo a parlare di un’altra donna croata, il suo nome è Zara…

Zara

Tutti hanno provato a prenderla, dicono per la posizione strategica, crocevia fra oriente e occidente o per le sue isole che la rendono protetta: distrutta, bombardata, saccheggiata ma lei, va avanti, si rimette in piedi come una fenice.

Un papa tremendo secondo, la offrí come ricompensa ai crociati, ordinò di saccheggiarla e conquistarla, perchè Zara è sempre stata ricca e bella e di nessuno.

Prima della seconda guerra c’erano 4 teatri in uno spazio ristrettissimo, era bellissima e Sandra ci mostra le foto, splendidi palazzi veneziani sul mare, ovviamente distrutti dagli amici americani su ordine di Tito che voleva farla sua, nella Jugoslavia rossa fuoco del dopo guerra.

Nella guerra dei balcani rimase 4 anni bombardata: negli occhi di Sandra c’è ancora la guerra, i suoi amici giornalisti come lei che non ce l’hanno fatta e gli occhi ancora increduli per quello che accaddè nel cuore di un Europa solo sulla carta civile. Ma qui si è abituati a guardare l’orizzonte e i suoi occhi cambiano espressione pensando a Zara in estate piena di festosi turisti da tutto il mondo a cui lei non vede l’ora di mettere in scena questo monologo e diventare per un secondo Zara e farci passeggiare lungo i vialetti nella storia.

E io corro questa mattina lungo il suo mare e penso a queste due donne affascinanti e carismatiche che sono un po’ come il mare e l’orizzonte e non capisci dove inizia una e dove finisce l’altra.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest