chissenefood-brunch

Le regole del brunch perfetto!

  1. Se è troppo dolce è colazione, se troppo salato è pranzo, se è troppo tardi cena.
  2. Si fa con gente con cui stai bene in silenzio, dove puoi sorseggiare e farti i fatti tuoi interiori e ogni tanto sorridere a caso.
  3. Il brunch è come Pasqua, è triste senza un uovo da mangiare: io vi consiglio alla benedict, bello pochet e colante salsa olandese fatta zozza col burro.
  4. Ecco gli aggettivi per definirlo: marmellatoso, colorcurato, fruttopensato, cosmogoloso, caffettoso.
  5. Caffè a tempesta, il tè è da merenda inglese con la queen. Quindi, o avete per casa la vecia o andate di caffeina.
  6. Il brunch deve profumare di biscotto, torta e burro. Se sa di fredde verdure o di vegan si chiama settimana detox post sbronza: non chiamatelo brunch, chiamatelo penitenza.
  7. Donne se vi chiede i pancake alla mattina: fatevi l’amante, presto scoprirete che ce l’ha anche lui.
  8. Uomini portatevi delle fette di bacon da nascondere nel maglioncino colorato: i brunch stanno diventando veggy, io concordo. Anche perché se c’è l’arrosto sei tornato indietro nel tempo, ancora ubriaco, ventenne da tua madre.
    Quello non erano brunch, eravamo eroi!!
  9. I dolci devono essere golosi, si ai biscotti, ai dolci filo americani, al pane fresco o caldo, passato in forno e a qualche sfizioso pasticcino: si, potete mangiare 2 brioches.
  10. Non tenete il brunch, se dovete conversare broccolate, mai parlare di lavoro (#2maroni), nel pome dovrete smaltire il fabbisogno calorico di una settimana di un nuotatore olimpionico o andate a fare spinning vomitando nella borraccia o fate l’amore.

 

Non dimenticate di seguirmi su Instagram, vi aspettano tantissime novità!
Se vi siete persi la mia ultima ricetta, cliccate qui.

0/5 (0 Recensioni)
Post recenti
pane-carasauchissenefood-pasta