La tarte , e

Di quel viaggio ricordo l’insistenza del mio primo oceano, i chilometri divorati in macchina, il mio amico Marco che passando dalla Francia invece di divorare crudité m’impose un bar con i würstel e patatine, lo spillatore di Sidro che mi sgridava per aver avvicinato il bicchiere al getto e non essermi chinato a cogliere lo zampillo il più in basso possibile.

E io che surfavo le onde a San Sebastian facendo tubi e camminando sulla tavola, domando le onde.

Questa storia in #potrebbenonesserevera ed io, invece del surf sotto i piedi, forse avevo la Versione di Barney nelle mani e un principio d’insolazione.

Fatto sta, che di quel viaggio ricordo soprattutto la sera, quando i tavoloni dei bar si riempivano di Tapas ghiotte, di pan con tomates e quelle alici cicciotte del che mi cantavano “mangiami mangiami” e io rispondevo: “Claro che si!”.

E tutto questo mi è venuto in mente aprendo “le dolci” e poi “le rustiche” di , che Massimo, il proprietario, va a selezionare direttamente nel cantabrico: oramai ha l’occhio allenato per le Alici e la qualità non solo la riconosce ma è nel suo corredo genetico, da generazioni.

Quindi andate nel banco frigo e provate le nuove alici fresche del Mar Cantabrico e in un attimo sarete davanti all’Atlantico con me tutto bruciacchiato dal sole a fare l’aperitivo con questa tarte pane, burro e alici che mi ricorda un po’ la Spagna e i suoi pinchos, un po’ la Francia da cui bisogna passare e le onde increspate dell’oceano.

E ricordate che non è mai solamente cibo, ma un viaggio che ti porta diretto in quell’angolo del cuore dove tieni nascosti i ricordi buoni!

Ricetta qui sotto e copiate bene la crema di pane burro e alici perché la potrete usare davvero ovunque!

Ingredienti per 4 persone

1 confezione de “LE DOLCI DEL MAR CANTABRICO” Rizzoli

1 confezione de “LE RUSTICHE DEL MAR CANTABRICO” Rizzoli

1 rotolo di pasta fillo

5 pomodorini rossi pizzutello

5 pomodorini gialli

5 pomodorini verdi

250g di burro

1 fette di pane

1 cucchiaio di zucchero a velo

Olio di semi

Aceto bianco

prezzemolo

origano

Sale

Pepe nero

Aglio

Procedimento

Riscaldare il forno a 200°C.

Nel mentre preparare una particolare versione del beurre blanc mettendo in un pentolino 150g di burro, 5 filetti di alici dolci, 1 spicchio d’aglio, 1 cucchiaio di aceto, 3 cucchiai di acqua e del prezzemolo non tritato. Far insaporire a fiamma bassa e tenere da parte.

Prendere una tortiera rotonda da 24”, spennellare con dell’olio evo il fondo e disporre il primo “foglio” di pasta fillo. Procedere allo stesso modo per il secondo strato, ruotandolo in modo da avere gli spigoli asimettrici rispetto lo strato prima.

Procedere come scritto sopra fino ad esaurire la pasta fillo sostituendo l’olio con il burro preparato antecedentemente.

Una volta completato, tagliare i pomodorini a metà, disporli nel centro e condirli con zucchero a velo, pepe, origano e finire con olio evo e altro beurre blanc.

Cuocere in forno a 200°C per 10’, continuare a 180°C per 10’ e, nel caso servisse, altri 4’ a 160°C. Si otterrà così una sfoglia dorata e croccante.

Lasciar raffreddare e nel mentre unire in un pentolino 100g di burro, 1 fetta di pane tagliata a pezzetti, 4 filetti di alici dolci. Soffriggere il tutto fino a far sciogliere le alici, versare in un mixer assieme al beurre blanc rimasto, unire 2 cucchiai di olio di semi e acqua freddissima quanto basta per ottenere un’emulsione perfetta.

Inserirla in una sac a poche e fare dei pois per poi concludere disponendo a cerchio 8 filetti di alici rustiche.

Potete mangiarla tiepida ma anche a temperatura ambiente sarà perfetta.

@rizzoli_emanuelli

Post suggeriti

Per proposte commerciali e richieste di collaborazione compila il form sottostante. Verrai al più presto ricontattato dal mio staff.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt