IMG_7630

Ciambelle! Ciambelle! Ciambelle! Come quelle che vi ritroverete durante la prova costume se continuate a mangiare come Homer J. Simpson, ma prima di buttarvi sulla Tisanoreica, la Dukan o la dieta del fantino, ingozzatevi come il mito di Springfield provando il suo cibo preferito.

now-here-s-a-donut-homer-simpson-can-t-eat-homer-simpson-666234

Un leggera, soffice e glassata, con un impasto lievitato e tondo come l’aspetto di Homer J. Per i più goderecci, provate a friggerla, diventerà il classico americano. Chissenefood rende omaggio a questo mito, buongustaio e maestro di vita, nonché filosofo. Ecco una delle sue perle di saggezza: “Se qualcosa è difficile da fare, significa che non vale la pena di farla“. E non è il caso della Homer’s . Quindi, forza, non fatevi spaventare dai , andate a comprarvi qualche stampo in silicone e provateci anche voi. Un consiglio, esiste l’usanza americana di portare le ciambelle in ufficio, e voi eroi del terziario avanzato, se riuscite a non mangiarla, portatela con voi e scofanatevela con i vostri colleghi, vedrete che renderete questo aprile dolce dormire un po’ più sopportabile. De hi hi ho!

Ciambelle. Ciambelle. Ciambelle.

E mi raccomando mandate la vostra versione, decorata, e rendete onore anche voi al mitico .

Ingredienti per 4 persone
100 di zucchero
80 ml di latte intero
40 grammi di birra fresco
500 grammi di farina 00
6 uova
4 tuorli
200 grammi di burro
1 pizzico di sale
100 grammi di albicocche secche
30 grammi di farina si semola

Per la glassa:
Mezzo bicchiere di zucchero a velo.
1 limone
Palline di zucchero colorate.

Preparazione
Intiepidire il latte e mettere all’interno il lievito sbriciolato con un cucchiaio di zucchero e tre cucchiai di farina, mischiare il tutto: coprire con un panno, mettere in un posto caldo per 30 minuti per attivare il lievito.

Dopo 30 minuti aggiungere al composto lo zucchero rimanente, le uova intere e i tuorli e la farina: impastare. Mentre impasti, aggiungi il burro sciolto, pian piano e continua a impastare fino a creare un impasto omogeneo. Alla fine aggiungi un pizzico di sale e le albicocche secche sminuzzate (messe precedentemente nell’acqua per qualche secondo e poi infarinate, in modo che non caschino sul fondo della teglia) e continua ad impastare per qualche minuto.

L’impasto alla fine dovrebbe essere appiccicoso, tipo pane.

Imburrare la teglia con burro e la farina di semola e riporvi l’impasto. L’impasto non deve superare la metà della teglia perché crescerà molto. Riporre il composto, coperto con un panno, in un luogo caldo per qualche ora (in alcuni forni c’è la funzione lievitazione, usatela!) e aspettare che raddoppi la sua dimensione.

A lievitazione ultimata mettere nel forno a 200 gradi e cuocere per 35/45 minuti e verificare la cottura con uno stecchino: infilatelo nel dolce e poi toccatelo, se è secco il dolce è pronto per essere sfornato. Non fate questa operazione prima di 30 minuti.

Dopo la cottura, togliere la torta dallo stampo per dolci e lasciare raffreddare.

Mettere in un bicchiere lo zucchero a velo e aggiungere pian pian il succo di un limone, mescolare fino a quando lo zucchero sarà sciolto: create una consistenza collosa e facile da spalmare, non troppo liquida.

Se volete una torta color rosa aggiungere un po’ di estratto di barbabietola (barbabietola frullata e poi setacciata, separando la polpa dal succo) oppure coloranti per dolci.

Spalmare la glassa sulla torta (fredda) con un pennello e prima che la glassa si solidifichi decorare con i pallini colorati.

IMG_7470

Post suggeriti

Per proposte commerciali e richieste di collaborazione compila il form sottostante. Verrai al più presto ricontattato dal mio staff.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
Risotto alle variazioni di asparagoBounty Cheesecake