Focaccia is the new cena a lume di candela

Comments (0) Chissenestyle, Curiosity, Food

Caro uomo italiano, in questi giorni Charlize Theron ha dichiarato che è drammaticamente single e i maschi del pianeta non le fanno avances. Quindi al posto di passare la giornata a sbavicchiare sui profili pimpati di alcune nostre concittadine perché non invitare la Charlize a cena?

Non ti preoccupare, se volesse potrebbe comprarlo il ristorante, quindi non andare in sbattimento o snaturarti creando appuntamenti al limite dell’alieno, molte ragazze hanno bisogno di semplicità e farsi due risate.

Immaginate lei, poverina, tutta sola nella sua villa a Malibù che si mangia tonnellate di gelato, triste perché nessuno le chiede di uscire. Forza ragazzi teniamo alta la bandiera italiana.

Magari invitatela ad un bel barbecue o a mangiare una bella focaccia che farete poi voi, con la ricetta di #Chissenefood mangiata all’aria aperta nel nostro bel paesello.

Non vi preoccupate prenderà lei l’aereo privato e vi raggiungerà: fatevi avanti! E mi raccomando provate a fare gli impasti in casa.

E voi donne cosa vorreste fare al primo appuntamento o cosa vi ha colpito del vostro lui?

Fatemelo sapere che qui deve diventare un luogo di scambio!

Ps. Mi dite anche se scrivo troppo o troppo poco?

Focaccia is the new cena a lume di candela

Ingredienti per 4 persone

1kg farina 00 w 350 (di ottima qualità)

0.8kg acqua fredda (80% sulla farina)

25g di sale integrale

4g di lievito di birra fresco (anche 5-6 quando fa più freddo)

8 fichi non troppo maturi

200g di prosciutto crudo dolce

Sale integrale qb

Rosmarino qb

Olio evo qb

1 peperone rosso sotto vinacce o sott’aceto

1 peperone giallo sotto vinacce o sott’aceto

1 mazzetto di borragine

1 spicchio d’aglio

1 confezione di olive verdi denocciolate

Procedimento

Far sciogliere il lievito in ¾ dell’acqua totale e aggiungerlo alla farina all’interno di una boulle. L’acqua fredda ti aiuterà a lavorare l’impasto e a tenerlo in un range di temperatura corretto.

Iniziare ad impastare aggiungendo l’acqua poco alla volta, permettendo alla farina di assorbirla. Quando manca poca acqua, aggiungerla insieme al sale ed impastare nuovamente. Il sale rinforza il glutine e inibisce l’azione del lievito, per questo è corretto metterlo in un secondo momento. Otterrai un impasto omogeneo ma grezzo, lascialo riposare per circa 10′ ed impastalo di nuovo, usando la tua mano come fosse un gancio di una planetaria, ripetendo poi questa operazione una seconda volta.

Procedere alla chiusura dell’impasto aiutandosi con un tarocco e, se necessario, un filo d’olio. Non mettere ulteriore farina altrimenti l’impasto scivolerebbe troppo sul piano di lavoro.

Una volta ottenuta una massa liscia e compatta, rimetterla nella boulle leggermente oliata. Coprire con pellicola o canovaccio e far lievitare in frigo per 24h (puntata).

Trascorse le 24h procedere alla divisone dell’impasto in panetti (staglio), chiudendoli come abbiamo fatto per la prima massa. Lasciar poi acclimatare coprendoli con un canovaccio per circa 3 ore (appretto).  La durata dell’appretto può variare a seconda della temperatura dell’ambiente.

Ungere leggermente la teglia, posizionare il panetto e iniziare con i polpastrelli a stendere l’impasto. Siate delicati e se vedete che è ancora “tenace”, aspettate un altro po’ di tempo.

Indicativamente, per una teglia rotonda da 28 cm o quadrata la quantità di impasto da utilizzare sarà di circa 400g.

Una volta steso il panetto, condire con olio evo, sale integrale e le olive verdi. Lasciar lievitare altri 30′, l’impasto sarà pronto quando risulterà gonfio e morbido al tatto.

Cuocere nella parte bassa del forno a 250°C in modalità ventilato, per circa 15′. Potete spingervi fino a 280° diminuendo il tempo di cottura.

Una volta pronta, lasciar raffreddare su di una grata per far disperdere l’umidità in eccesso.

Nel mentre pulire, lavare e saltare in padella con olio e aglio la borragine per qualche minuto. Tagliare inoltre i peperoni a filetti.

Completare la focaccia disponendo la borragine e le due tipologie di peperoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest