Cinque cose da sapere del alla spagnola

1 In non è solo la classica milanesata da fare durante il week end, ma è un vero e proprio pasto ufficiale. Sapete il perché? Pranzando alle 3 uno devo rompere l’appetito in qualche modo, altrimenti rischia di uscire de cabeza! 

2 Deve esserci la , alta e fatta bene. Non troppo asciutta, con la patata tonica. Una volta a Barcellona criticai il compagno della mia coinquilina, definendo (in #Itagnol) la sua creazione “es una statua de sal” lui mi rispose serafico: “Vale se coma poca” (e in questa battuta c’è tutta la filosofia spagnola)

3 Non deve mancare il pane e lomo, ovvero lonza, che con il suo sugo inzuppi il pane. A si mangia con le fave, è tipicissimo.

4 Deve esserci il , con il pane, in insalata, ovunque! Il pomodoro di Valencia è nato per essere condito fresco e mangiato a fettone giga, con litrate di olio buono. Raccomandata la zapatilla, si dice cosí scarpetta in Espagnol?

5 La birretta ghiacciata deve essere al centro di questa colazione da campioni, peccare è molto mediterraneo, e questi piatti nascono alla fine come un pretesto quasi manzoniano o semplicemente una scusa per farsi la prima cerveza della giornata!

Vi consiglio @mercadodetapineria  dove troverete un’ottima paella e prodotti freschissimi! Fatevi una tortilla diavoli!

 

Post suggeriti

Per proposte commerciali e richieste di collaborazione compila il form sottostante. Verrai al più presto ricontattato dal mio staff.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt