Lo sapete che tanti chef quando vi danno le ricette non le danno complete?

Non vi danno tutti i segreti e a casa, soletti, le provate e non vi viene mai nulla.

Ci riflettevo in questi giorni, cosa posso fare per voi? Cosa posso darvi attraverso #Chissenefood? Altre ricette che non sarete in grado di rifare? Oppure bearmi di quanto sono secchio in cucina e non lasciarvi nulla?

Ho deciso: voglio insegnarvi l’istinto dello chef, quello che non puoi imparare, lo devi far germogliare dentro di te e innaffiare pian piano, quindi basta seguire le ricette con il ditino, usatelo per cose più divertenti e non mettetelo nel naso al semaforo!

Iniziamo dalle basi, il sapore di un piatto deve durare nella vostra bocca anche dopo aver mangiato, il vostro palato deve sapere di buono e per farlo dovete riuscire a calibrare i gusti: amaro, dolce, acido, sapido, piccante e se ci riuscite l’umami.

Partiamo dal pollo al curry, ho la ricetta di Pushpa, dello Shrilanka da circa 12 anni, ma io da lei non ho appreso gli ingredienti o il modo di farlo ma il perché faccio certe cose.

Metto in pentola cipolla, aglio, cipollotto e carota e li soffriggo con olio di oliva semplice o di semi, l’olio evo me lo tengo per i piatti a crudo, coprirebbe il sapore.

Metto il curry in polvere, masala, che si tosti e sprigioni i suoi aromi e gli oli essenziali delle sue spezie: non soffriggo troppo rimarrebbe pesante.

Butto brodo vegetale o acqua, patate e pomodoro, un pizzico di dolcezza con il miele e poi lavoro sull’acidità e la consistenza.

Sapete qual è il mio segreto per un pollo al curry ben riuscito? La mela! Conferisce dolcezza e acidità e raddrizza il piatto.

Avevo del petto di pollo e me lo soffriggo a parte e lo aggiungo alla fine, altrimenti diventerebbe un pezzo di legno e lo aggiungo quasi crudo alla zuppa calda una volta che è cotta, continuerà a cuocere!

Come faccio a capire se è cotta? La mela è scomparsa, le patate incominciano a legare la salsa e gli aromi sono ben bilanciati: a quel punto aggiungo burro e sale, poco.

E se volete che sia perfetta mangiatelo il giorno dopo, il curry deve stabilizzarsi e lavorare una notte intera.

Volete altri trucchi e segreti?

Chef’s instinct: il curry

Ingredienti per 4 persone:

2 carote

1 cipolla

1 spicchio d’aglio

2 cipollati freschi

4 patate medie

100mL di salsa di pomodoro

1 cucchiaio di aceto di umeboshi o aceto di mele

500g di petto di pollo

2 mele

1 limone

1 cucchiaio di curcuma

2 cucchiai di curry masala

Olio di oliva o di girasole

sale

pepe nero

Procedimento:

Far soffriggere in un tegame cipolla, il cipollato, la carota tagliati grossolanamente assieme all’aglio.

Aggiungere il curry a tostare, la curcuma, del sale alle erbe e le patate tagliate a cubotti.

Allungare con brodo vegetale o acqua calda e aggiungere la mela tagliata a pezzi, la salsa di pomodoro e l’aceto di umeboshi.

Lasciare cuocere a fiamma medio/bassa aggiustando di acidità con del succo di limone fino ad ottenere una buona cremosità, ci vorranno circa 45′.

Spadellare a parte il pollo tagliato a cubotti  facendolo rosolare per bene senza però cuocerlo.

Unirlo poi al composto di curry e spegnere la fiamma, si cuocerà dolcemente con il suo calore mantenendosi succoso.

Se possibile mangiarlo il giorno dopo, quando il curry avrà così espresso tutti i suoi profumi e sapori.

Post recenti

Per proposte commerciali e richieste di collaborazione compila il form sottostante. Verrai al più presto ricontattato dal mio staff.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
uovo-di-Pasqua