Hai presente la carbonara? Quel piatto ultra famoso tipico della tradizione culinaria italiana?

piatto_finito

Ecco, la tradizione lasciamola pure agli altri social cooker che qua a Milano non perdiamo tempo, qua P-R-O-F-A-N-I-A-M-O!

Se vuoi gustarti la carbonara più irrispettosa di sempre (con dentro pure lo zabaione), non ti resta che seguire la mia ricetta profanata! Comunque se non l’hai vista puoi fare un saltino qui! Fallo, che saltare ti fa bene con tutte le kcal che assumeremo!

 

QUANTO CI VUOLE?

In circa 15 minuti ti porti a casa il piatto… che vuoi di più?

 

INGREDIENTI PER PROFANARE

5 UOVA (delle galline che allevo nell’area cani in isola a Milano)

300 GR DI BACON (direttamente dalle razioni K made in USA, stagionato 70 anni)

1 SCALOGNO (che è quasi come la cipolla, anche se non è una cipolla che altrimenti scrivevo cipolla no?)

100 GR DI PARMIGIANO (3600 mesi)

PECORINO (profanatore, vedi tu quanto usarne)

 

GUIDA ALLA PROFANAZIONE (divisa in fasi stile i filmoni Marvel)

Partiamo a profanare la carbonara!

 

Fase I – Scalogno e Dealcolizzazione

Prendi lo scalogno e taglialo grossolanamente.

scalogno

Recupera al volo un ottimo vino bianco di qualità (ricordati solo di non ubriacarti). Metti il vinello in un piccolo recipiente e poi tuffaci dentro lo scalogno. OH MA MICA te lo stai seccando alla goccia VERO? PER PROFANARE SERVE LUCIDITÀ! E la patente per andare a fare la spesa!

Via alla dealcolizzazione facendo bollire il vino insieme allo scalogno. Inizia poi a far bollire l’acqua della pasta.

 

Fase II – Tratta bene il Bacon delle Razioni K

Taglia il bacon a listarelle e buttalo in padella facendo un’estrazione del grasso. Ricordati di tenere il fuoco basso. Fai rosolare bene il bacon e non avere fretta!

bacon

Quando il bacon è poi pronto, scolalo e tritalo. Il grasso invece tienilo in padella, ti servirà dopo.

(Mi sembra già di sentire gli estimatori del guanciale a tutti i costi che urlano e si disperano con i loro gne gne gne! Se si arrabbiano, chissenefood)!

 

Fase III – No alla carbocrema, sì allo zabaione!

In base a quanti sono i commensali, aggiungi uova! Un uovo intero e un tuorlo ad personam: quindi se invito 4 persone quante rossi metto? 

Soluzione: 4 rossi e un uovo. 

Prendi poi un pizzico di sale e buttalo sulle uova (ricordati di salare dall’alto se non vuoi prenderti una capata in fazza da uno chef stellato)! Metti le uova in una ciotola e incomincia a sbatterle con una frusta. 

zabaione

“Spacca” le uova come se non ci fosse un domani e aggiungici il vino dealcolizzato al sentore di scalognetto alcolizzato. Vai di cottura a bagnomaria (se ti senti in vena, puoi pure intonare la canzone collegata, l’Ave Maria di Schubert). 

Togli ogni tanto lo zabaione dal fuoco che altrimenti ti viene fuori una crema pasticcera. Punta a fare uno zabaione bello cremoso!

 

Fase IV – La cialda crunchiness

Grattugia il parmigiano in una padella creando un lieve strato, e fai cuocere il tutto. Dopo un pochino, quando la cialda è pronta, crea uno shock termico bagnando con acqua fredda la padella (tieni per un attimo il lato inferiore della padella a contatto con l’acqua). 

shock_termico

Se hai fatto tutto bene, ora dovresti avere davanti a te quello che io chiamo “sale di parmigiano” (se non ti è venuto probabilmente sei un fan dei Teletubbies). Togli quindi la cialda dalla padella e poi, senza ustionarti eh, continua a spezzettarla con le mani.

 

Fase V – Impiattamento

Prendi la pasta, buttala dentro la padella dove hai lasciato in precedenza il grasso del bacon. Falla cuocere ancora un pelino, poi metti tutto dentro al piatto. Aggiungi alla pasta la crema speciale a base di zabaione/scalogno/vino dealcolizzato. Aggiungi una “spruzzatina” di pecorino. Arricchisci il tutto con il bacon godurioso e la cialdina spezzettata di parmigiano. Chiudi con una cascata di pepe e godi.

impiattamento

Anche oggi, PROFANAZIONE RIUSCITA!

0/5 (0 Recensioni)
Post recenti
pollo surprise impiattato