11 trucchi per non farle esclamare: che palle sta zucchina!

Comments (0) Curiosity, Food, Uncategorized

11 trucchi per non farle esclamare: che palle queste verdura!

1 Giresti mai con una canotta in questi giorni per Milano? A meno che tu non sia un concorrente del Geordie Shore, la giacchetta te la porti sempre con te, perchè non è stagione di canottiere come di castagne, quindi sii stagionale nella scelta delle verdure. E quando è estate evita la canotta in città: ti prego!

2 Le verdure non vanno cotte troppo, usciamo dall’epoca delle stra-cotture, mia madre negli anni 90 cuoceva il cavolfiore per un’ora e quando succedeva, pensavo che Mr Fumagalli dello spurgo pozzi neri fosse venuto a svuotare la biologica, invece per cena c’era un cavolfiore grigio e senza vita con le stesse proprietà nutritive di un pezzo di polistirolo.

3 Sbollenta in acqua bollente e salata e poi come succede ad un gruppo di svedesi nudi post sauna fai fare alle tue verdure un tuffo nel ghiaccio: ferma la cottura, consolida i colori. Lo sapevi che se non fermi la cottura i cibi vanno avanti a cuocere? Ora lo sai!

4 Usa tutte le parti e se hai scarti fai un brodo, una crema, insomma inventati qualcosa: evita però le parti che non si mangiano e se non sai googola e assaggia! Gambi di broccoli, barbe di cipollotti, ciuffi di carota sono edibili e sono come una donna bella e difficile, bisogna saperli prendere.

5 Cambiagli forma: io queste stupende biete rosse le ho trattate come se fossero spaghi, ho aggiunto degli asparagi di campo e via! Effetto #Chissenefood

6 Spadella, sempre, con un goccio di olio, aglio, un pizzico di zucchero se vuoi fare il figo, o nature se vuoi fare la dieta. E se vuoi fare il godurioso, burro, soia, un goccio di aceto e sfuma.

7 Fai in modo che ci siano sempre nei tuoi menù, la parte vegetale deve essere sempre importante, ma innamorati della verdura, non dei suoi effetti benefici, dai dignità a quello che mangi non solo sotto il profilo nutrizionale e scegli bio.

8 Anche se non è bio tutto quello che luccica, scegli coltivatori locali, mercatini dei contatini

9 Non usare sempre le solite verdure, stiamo impoverendo i sapori tramite le nostre scelte alimentari, cercate di variare e assaggiare più cose possibili

10 Spendile due lire per un verdura buona, barbun! sarà più saporita e ti basterà un bel zabaione di uova salato con acciughina per rendere tutto magico

11 Ricorda che con le tue scelte alimentari cambi il pianeta: quindi tu conti!

Che verdura amate in questi giorni? E come la fate?

11 trucchi per non farle esclamare: che palle queste verdure!

Ingredienti per 4 persone:

2 mazzi di asparagi selvatici

1 mazzo di biete rosse

erbe fresche (menta, finocchietto selvatico)

pepe nero macinato al momento

sale

olio evo

50g di burro

Per lo zabaione salato:

6 tuorli

50g di pecorino romano grattugiato

50g di Parmigiano Reggiano grattugiato

60g di burro

50mL di vino bianco

Procedimento:

Lavare bene gli asparagi selvatici e privarli della parte più coriacea, all’incirca 5/6cm.

Cuocerli in acqua bollente e salata per circa 12′, dovranno essere compatti ma cotti. Una volta pronti freddarli in acqua ghiacciata.

Fare lo stesso con le biete rosse facendole però bollire per 3-4′ massimo.

Una volta fredde, tagliarle per il lungo ottenendo degli spaghetti rossi.

Versare in una boulle i tuorli, il burro morbido a pezzetti, e un pizzico di sale.

Mescolare con la frusta, portare su un bagnomaria caldo ma non bollente e aggiungere a filo 50mL di vino bianco.

Una volta addensata la crema, spegnere e togliere dal vapore.

Far saltare in padella con olio e burro le biete e gli asparagi come fossero spaghetti, aggiustando con sale e pepe se necessario.

In una fondina versare dello zabaione salato e appoggiare sopra un nido di spaghetti ottenuto con l’aiuto di una pinza e di un mestolo.

Finire con un filo di olio evo e le erbe fresche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest