WoodMorning Italy

Comments (3) Curiosity

“Uno chef che prescinde dal suo ecosistema e dall’ambiente in cui è inserito non può essere definito contemporaneo”.

Questa frase m’arriva in testa, violenta e improvvisa, come un pigna che casca dall’albero nel bel mezzo di un tranquillo lunedì di Pasqua e mi risveglio al Larice Bruciato in Val Sassina, nel bel mezzo del nulla, con il mio cane batuffoloso e felice nello zaino. E mi chiedo che cosa ci faccio qui?

Valeria Margherita Mosca è uno dei molti talenti italiani di cui non parlano gli italiani al bar sport, cresciuto come un germoglio di speranza sulle ceneri generate dal napalm distruttivo fatto di plastiche e cemento, eredità delle generazioni che hanno saccheggiato il mondo. Vorrei prendere chi ci chiama Bamboccioni o un briatore qualunque, bendarlo, rapirlo e portarmelo in spalla, dato che magari non riesce a fare due passi a piedi e fargli seguire questa donna che sta costruendo sentieri giganti mentre loro costruiscono autostrade inutili e palazzi. Ma fermo la mia ira verso il passato e mi concedo il lusso del futuro e vi racconto questo magico folletto dei boschi.

IMG_6445

Per spiegare chi è lei e cosa sta facendo bisogna definire il foragin che è riportare agli albori del mondo il concetto di cibo e trasformarsi da coltivatori e distruttori seriali a raccoglitori estemporanei, facendo shopping in mezzo alla natura.

Mentre camminavo affannato, cercando di stare dietro a questa madre natura selvaggia, con gambe lunghe e veloci, ogni tanto mi trovavo in bocca qualche erba o foglia dal nome strano. La ruminavo e mi sentivo subito ispirato:  mentre scendevo a valle mi venivano in mente ricette, accostamenti, piatti e addirittura una religione. Il punto è la ri-conessione con la natura, l’abbiamo saccheggiata, depredata, assassinata e ora questa onda energetica che si sta diffondendo nel mondo anche grazie a Valeria pone al centro il carisma del silenzio: un imbarazzato essere umano colpevole che ritrova la sua anima scrostandola dal cemento armato e riportandola alle sue origini, persa nel nulla.

IMG_6425

E Valeria insegna questo agli chef stellati, li ri-conette con il proprio eco sistema, con i prodotti e i frutti che la natura genera spontaneamente e nell’orecchio suggerisce loro mille ingredienti magici che sono già qui da sempre, vanno solo colti, magari fermentati o lievemente trasformati come fa lei e il suo team nel Wooding Lab alle porte di Milano.

Io, l’anti natura, urbano e contemporaneo come un palazzo di cemento che si crede falsamente moderno, mi trovo ri-conesso, in pace (e fidatevi mi capita raramente), su questa cima fra le nuvole, ispirato. Mi sento come quando ero piccolo e cercavo con le dita rami, sassi, quadrifogli nei prati: cercavo me stesso perdendomi nella natura. Perché da piccoli la cerchiamo come un’istinto e poi la perdiamo e ci dedichiamo alle tecniche e la dimentichiamo come una nonna che abbiamo amato ma ora non c’è più.

Dovreste fare un giro con questa sacerdotessa contemporanea, o con la studiosa, la scienziata, la selvaggia, per capire che il più grande dei futuri possibili, anche per chi guarda alle stelle sta nel cercare in basso, fra i rami, nel verde, nei prati.

IMG_6419

E lei figlia del cemento, ha scelto una casa sotto le stelle e una dispensa fatta di prati, boschi, rive di fiumi e un piccolo laboratorio dove compiere magie.

Leggete il suo Wild Mixology, cercate di capire dove stiamo andando o meglio dove stanno andando alcuni di noi che nel guidarci e renderci un po’ più civilizzati ci stanno facendo guardare indietro e ci suggeriscono di rallentare, trasformando i mille vorrei  che ci affliggo nel cemento in un secondo di pace immersi IN TO THE WILD.

wild-mixology-127993

 

3 Responses to WoodMorning Italy

  1. Michela ha detto:

    Wow, sembra davvero fantastico! Sarebbe davvero bello poter provare questa esperienza! Grazie per averne parlato, non conoscevo Valeria prima del tuo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest