ChisseneWow: K2 milano.

Comments (0) Food

Non rimanete fuori dai posti solo perché non odorano di marketing. Per mangiare bene bisogna essere disposti a mangiare male e io, in questa città, entro, provo e non mi faccio condizionare da like e vetrinelle. Ricordate, ci sono stronzi come me che vi diranno dove mangiare, vi consiglieranno quello che consigliano tutti solo perché fa figo farlo. Qui siamo sempre stati indipendenti come un giro di sol in un garage e per finire su questa gallery devi avere il tuo perché. Smettetela di fare i fighetti, le sushino amorino, non troverete nulla: i ravioli migliori non sono in Sarpi, i cinesi più cool non hanno la carta dei vini e la pizza gourmet non esiste, esiste chi sa fare la pizza da sempre, da Dio.

Davanti a questo forno tandoori che mi scioglie le dita a tal punto da sentirmi di fronte al motore di un F16 sento: “noi il naan lo facciamo fresco ogni volta che entra qualcuno che ce lo chiede”. Davanti a questo forno le salse non partono da una salsa madre uguale ma da un’ossessione per la combo di spezie perfetta. Ossessione. Il cibo deve essere l’ossessione di chi cucina, non il marketing e le fotine su instagram. Cliccandoci sopra scoprirete che questo profilo è inversamente proporzionale a quello che troverete nel piatto: entrate e mangiatevi tutto, seguite il vostro diavolo che non sbagliate. Fatevi un tuffo nel chicken korma, chicken tikka masala, nel masala vindalo e nel lamb vindalo, e ringraziatemi diavoletti perché vi ho dato una dritta che si da agli amici.
Lasciate fuori la vostra anima fighetta e fatevi un giro in India e fatevelo raccontare da Fayyaz, non andateci con la tipella che vi elemosina la cena pettinata coi suoi labbroni pompatelli, non andateci con gli amici a caso, andateci con la gente della vostra razza, quelli che possono capire l’universo senza fermarsi davanti alle stelle. Andateci come una tribù e fate andare le mani, posate le posate, che si chiamano così perché a volte vanno lasciate dove sono. E ciucciatevi le dita, perché Milano, ha bisogno di posti bruttarelli dove si mangia da Dio e non solo di marketing e Fashionfood.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest