Bella Lee.

Comments (0) Uncategorized

Nella foto Assunta Maria Grazia Chen, la prozia del nostro Bing, in arte Chef J…

Bella Lee

Maria Grazia aveva delle chiare origini napoletane. Infatti nei primi del novecento Vicenzuzzo O’ Mariuolo, marinaio della flotta reale italiana, ammutinatosi e imbarcatosi su una nave portoghese diretta in oriente sulla via delle spezie, si era trovato per caso in Manciuria.

Lì aveva deciso di rimanere e iniziare una florida attività di fabbricazione falsi d’autore e da lì non si era più mosso: forse attirato dal cibo locale e dalle belle donne che erano brune alte, un po’ mongole, un po’ siberiane e soprattutto non parlavano la sua lingua, così ò Mariuolo si era illuso parlassero bene di lui e delle sue doti da grande amatore.

Scoprì che gli spaghetti erano pure dei cinesi, che facevano i ravioli diversi ma uguali a quelli di mamà e anche la pizza, quella senza pomodoro, era uno dei piatti tipici e si mangiava al sabato o alla domenica davanti alla partita, di Shanghai però.
O’ Mariuolo era maestro di vita e di genovese e quando incontrò la bella lee – da lì il termine tanto in voga fra i ragazzi del trap e della periferia milanese “Raga Bella Lee!”- non ci pensò due volte: mise su famiglia e fece tanti cinesini un po’ gualioni e un po’ mariuoli come papà.

Tra loro c’era Assunta che diventò grande e venne assunta in uno dei più grandi ristoranti della città e divenne famosa non tanto per la sua bellezza – come potete vedere dalla diapo non era bel fighino – ma per i suoi ravioli. E anche per la sua genovese che ora è anche un piatto cinese e, non importa, tanto tutto il mondo è paese.

Tutto questo, come al solito, potrebbe non essere vero ma a noi piacciono le storie ma soprattutto andiamo pazzi per i ravioli!
Quindi se volete assaggiarli ci vediamo a Milano il 22 novembre! Quello nella foto è un dumpling ripieno di genovese e Parmigiano Reggiano, in brodo di genovese con cipollotto fresh come insegna la ricetta di Vincenzuzzo trovata sul retro del quadro.
E voi avete qualche ricetta di zia di cui andate particolarmente fieri? Scrivetela qui e condividetela con noi.
Ciao canta storie, un bacio.

Ah no. Ho mangiato il cipollotto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest