50 sfumature di gricia.

Comments (0) Food

Dopo aver riscosso il vostro “Pollicem Alzatum Verso Altum” per il Carbonaro e le Regole dalla carbonara perfetta continuiamo il nostro filone capitolino trasformando un altro piatto della tradizione romana in qualcosa di totalmente diverso: rispettando gusti e modificando solo alcuni degli elementi della ricetta base.

Risotto alla Gricia

 

Questa è una gricia perfetta: un terzo di pecorino, un terzo di pasta, un terzo di pepe e guanciale a discrezione. La foto che vedete qui sotto, è fatta in una delle peggio o mejo trattorie de Roma.

 

Gricia

Ricetta semplice la Gricia, senza compromessi.

Mediamente viene servita con la mezza manica, il rigatone o maccherone “mo’ te magno”.

Incredibili questi romani, da un’idea unica sono riusciti a creare 3 piatti che tutto il mondo c’invidia.

Col pomodoro diventa Matriciana.

Con l’uovo diventa Carbonara e mantecando formaggio e acqua della pasta diventa Gricia.

Ognuno ha il suo segreto, Chissenefood ha reso un po’ più nordico questo piatto e al posto della pasta ci ha fatto un risotto.

Avvisiamo il pubblico che la ricetta è molto calorica, quindi prenotate la lezione di spinning o preparate le scarpette per correre.

Ingredienti per 4 persone.
5 pugni di riso carnaroli, di ottima qualità.
1 litro di brodo vegetale, possibilmente fatto con questi ingredienti: cipolla, scalogni, aglio, sedano.
150 grammi di pecorino romano.
100 grammi di parmigiano.
100 grammi di guanciale.
150 grammi di burro.
1 cucchiaio di aceto rosso.

Preparazione.
Fare un brodo con gli ingredienti qui sopra.
Mettete il riso nella padella a tostare per un paio di minuti, senza nulla.
Aggiungere brodo e qualche fiocco di burro.
Continuate a mettere brodo appena quello messo in precedenza viene assorbito dal riso.
Aggiungere sale e un pizzico di pepe, è importante farlo subito, i chicchi prenderanno subito sapore.
Il riso cuoce in 18 minuti, a 7 aggiungete ancora burro e brodo.
In una padella mettete le fette di guanciale e fatelo diventare croccante. Scolatelo sulla carta da cucina e lasciatelo freddare su un tagliere: una volta freddo e croccante sminuzzatelo col coltello.
A 17 minuti spegnete il fuoco, aggiungete burro, metà del pecorino e parmigiano.
Mantecate aggiungendo un cucchiaio di aceto rosso (questo il piccolo segreto che darà equilibrio al risotto) e lasciate riposare con il coperchio per 3 minuti: se il riso dovesse risultare troppo asciutto aggiungere mezzo cucchiaio di brodo.

Disporre il riso su di un piatto, spolverare di pecorino grattugiato fresco, aggiungere il guanciale in superficie: finire con due girate di pepe nero fresco, macinato al momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest